ROHM sviluppa un nuovo amplificatore operazionale che riduce al minimo il consumo di corrente
Grazie al basso consumo di corrente, pari a 160 nA, ottimizza il risparmio di energia nelle apparecchiature industriali e di consumo.
Willich-Münchheide, Germania, 10 aprile 2024 – ROHM ha sviluppato un amplificatore operazionale lineare (abbreviato in inglese con op amp), vale a dire il modello LMR1901YG-M, che vanta il consumo di corrente più basso* del settore. Caratteristica che lo rende ideale per amplificare i segnali dei sensori che rilevano e misurano temperatura, velocità di flusso, concentrazione di gas e altri parametri in applicazioni alimentate da fonti di energia interne (ossia batterie).
(Fig. 1)

Negli ultimi anni la domanda di controllo avanzato su varie applicazioni di elettronica industriale e di consumo è andata via via aumentando, di pari passo con la crescente necessità di rilevare in modo accurato i parametri pertinenti per l'applicazione, per esempio temperatura, umidità, vibrazioni, pressione e velocità di flusso. Gli op amp – la cui funzione principale consiste nell'amplificare i segnali dei sensori per le successive fasi di rilevazione e/o conversione analogico-digitale – rappresentano componenti critici per la catena del segnale, che influiscono notevolmente sia sull'accuratezza che sul consumo di energia. ROHM sta sviluppando amplificatori operazionali in grado di soddisfare la duplice necessità di accuratezza elevata e basso consumo di corrente. Dopo avere ulteriormente perfezionato la progettazione dei circuiti basata sull'originale tecnologia Nano Energy™, ROHM è ora in grado di proporre un op amp che offre il consumo di corrente più basso sul mercato.

Il modello LMR1901YG-M sfrutta la tecnologia proprietaria a bassissima potenza che elimina completamente l'aumento della corrente causato dalle variazioni di temperatura e tensione per ridurre il consumo di corrente ad appena 160 nA (tipico) – valore approssimativamente più basso del 38% rispetto al consumo dei comuni amplificatori operazionali a bassa potenza. In tal modo non si estende solo la vita utile delle applicazioni alimentate da batterie interne come le etichette elettroniche da scaffale, ma si contribuisce anche a prolungare i tempi di funzionamento di smartphone e altri dispositivi dotati di batterie ricaricabili. Al tempo stesso, tale basso consumo di corrente non varia all'interno dell'intervallo di temperatura compreso tra -40 °C e +105 °C, consentendo uno stabile funzionamento a bassa potenza perfino in ambienti soggetti a fluttuazioni delle temperature esterne, compresi gli allarmi antincendio e i sensori ambientali.
(Fig. 2)

Tra gli altri miglioramenti della performance rientra la riduzione del 45% della tensione di offset in ingresso, che risulta di appena 0,55 mV (max. Ta = 25 °C) rispetto ai comuni amplificatori operazionali a bassa corrente, sia pur garantendo una deriva massima della temperatura della tensione di offset in ingresso nell'ordine di 7 µA/°C. Tutte queste caratteristiche consentono l'amplificazione estremamente accurata dei segnali dei sensori. Essendo in grado di funzionare con tensioni di alimentazione comprese tra 1,7 V e 5,5 V e di offrire ingresso/uscita rail-to-rail, il modello LMR1901YG-M è idoneo a un'ampia serie di applicazioni per i mercati delle apparecchiature industriali e di consumo. Il nuovo op amp di ROHM è conforme anche allo standard di affidabilità per il settore automotive AEC-Q100, per cui assicura un funzionamento stabile perfino in condizioni di temperature rigide come quelle delle cabine dei veicoli, senza che la funzionalità venga compromessa.

Oltre alla varia documentazione tecnica necessaria per la progettazione dei circuiti e ai modelli SPICE per la simulazione (disponibili gratuitamente nel sito web di ROHM), l'amplificatore LMR1901YG-M è utilizzabile con il simulatore ROHM Solution Simulator per accelerare il time to market.

In futuro ROHM continuerà a puntare su ulteriori risparmi di energia per gli amplificatori operazionali, affidandosi alla tecnologia proprietaria a bassissima potenza. Inoltre, ROHM mira al miglioramento della performance delle line-up di amplificatori operazionali riducendone il rumore e l'offset – questo aumentando il risparmio di energia e ampliando il range di tensione di alimentazione, con la consapevolezza di contribuire al contempo alla soluzione di questioni sociali attraverso un controllo delle applicazioni più accurato.

Line-up di prodotti
(Fig. 3)

Esempi applicativi
• Applicazioni di consumo: smartphone, smartwatch, dispositivi indossabili, allarmi antincendio, sensori di movimento, ecc.
• Apparecchiature industriali: etichette elettroniche da scaffale (ESL), strumenti di misura portatili, data logger, sensori ambientali per IoT, ecc.
• Sistemi automotive: sensori antifurto, drive recorder, ecc.

Informazioni sulle vendite online
Data di lancio delle vendite: ora (in produzione di massa)
Distributori online: DigiKey, Mouser e Farnell
I prodotti saranno offerti anche presso altri distributori online, non appena saranno disponibili.
Informazioni sul prodotto
Codice prodotto applicabile: LMR1901YG-M

Cos'è la tecnologia Nano Energy™?
Nano Energy™ indica la tecnologia proprietaria a consumo di corrente ultra-basso che sigla consumi di corrente nell'ordine dei nanoampere (nA) riunendo tecnologie analogiche avanzate che riguardano la progettazione dei circuiti, il layout e i processi che utilizzano il sistema di produzione ad integrazione verticale di ROHM.
Questo contribuisce a estendere non solo i tempi di funzionamento dei dispositivi IoT e mobili a batteria, ma anche a migliorare l'efficienza nelle apparecchiature destinate all'industria e al settore automotive, nei casi in cui un aumento del consumo di potenza risulta problematico.
https://www.rohm.com/support/nano
Nano Energy™ è un marchio commerciale o un marchio commerciale registrato di ROHM Co., Ltd.

Per ulteriori informazioni visitate il sito web di ROHM
https://www.rohm.com/news-detail?news-title=2024-04-10_news_opamp&defaultGroupId=false

*Ricerca ROHM 10 aprile 2024

Informazioni su ROHM Semiconductor
ROHM Semiconductor è una società globale da 507,8 miliardi di Yen (3,9 miliardi US Dollar) al 31 marzo 2023 con oltre 23.700 dipendenti. La società sviluppa e produce una vastissima gamma di soluzioni comprendente diodi SiC e MOSFET, IC analogici quali gate driver e IC per la gestione della potenza, ma anche transistori e diodi di potenza e componenti passivi. Inoltre, dispone di impianti di produzione all'avanguardia in Giappone, Germania, Corea, Malaysia, Tailandia, Filippine e Cina, nei quali avviene la produzione dei prodotti altamente performanti. ROHM Semiconductor Europe ha sede nei pressi di Düsseldorf. Da qui serve la regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).
Per ulteriori informazioni contattare www.rohm.com
 
 
 
» ROHM Semiconductor
» Press Releases
» Press Release
Date: 10.04.2024 14:00
Number: PR08/24IT
» Press Photos

 Download der hochauflösenden Version...
ROHM sviluppa un nuovo amplificatore operazionale che riduce al minimo il consumo di corrente

 Download der hochauflösenden Version...
Fig. 1

 Download der hochauflösenden Version...
Fig. 2

 Download der hochauflösenden Version...
Fig. 3
» Contacts
ROHM Semiconductor GmbH
Public Relations
Katrin Haasis-Schmidt  
Karl-Arnold-Str. 15
D-47877 Willich-Münchheide
Germany
Phone: +49 2154 921 0
katrin.haasis-schmidt@de.rohmeurope.com
» Contact Agency
Mexperts AG
Peter Gramenz
Wildmoos 7
D-82266 Inning am Ammersee
Germany
Phone: +49 8143 59744 12
peter.gramenz@mexperts.de
» More Press Releases
15.05.2024 10:00
ROHM a PCIM Europe 2024: Dare forza alla crescita, ispirare l'innovazione

23.04.2024 14:00
I nuovi circuiti integrati per convertitori DC/DC a risparmio energetico di ROHM offerti nel package TSOT23

10.04.2024 14:00
ROHM sviluppa un nuovo amplificatore operazionale che riduce al minimo il consumo di corrente

14.03.2024 14:00
ROHM ha sviluppato LDO primari automotive che sfruttano la tecnologia QuiCur™ per ottenere caratteristiche di risposta al carico ai vertici del settore*

15.02.2024 14:00
I nuovi SBD ROHM offrono tempi di reverse recovery ai vertici della categoria* con una tensione di scarica disruptiva di 100 V grazie a una struttura trench-MOS che migliora in modo significativo il bilanciamento VF-IR